home

Italia centrale: storia ed arte

 

URBINO : CITTA'  D'ARTE

La celebre città marchigiana nei pressi di Pesaro, è famosa per il Palazzo Ducale e le numerose opere d'arte che vi sono ubicate. Ma, come molti sanno, vi nacque anche Raffaello Sanzio. Moltissimo di quanto qui si può qui ammirare deriva comunque dal mecenatismo degli antichi duchi del Montefeltro.

L'ampio articolo che era in questa pagina è ora al nuovo indirizzo: http://www.storia-arte.eu/urbino.htm

Nella seconda parte di questa pagina accenniamo comunque alle cose da vedere e diamo notizie su una delle belle mostre che di tanto in tanto propongono nel magnifico Palazzo Ducale.




 Urbino: palazzo ducale, foto © Farida Doctor -fotolia


vecchia foto, lunetta nella chiesa di San Domenico


vecchia illustrazione panoramica

Tappe principali di un breve soggiorno ad Urbino sono comunque: la Galleria Nazionale delle Marche (ovviamente nel Palazzo Ducale), la casa natale di Raffaello, l'interessante oratorio di San Giovanni Battista affrescato dai Salimbeni, il Duomo, le chiese di San Domenico, S.Francesco e San Bernardino (questo con alcune tombe dei duchi)  e molto altro ancora. Ovviamente ben notevole è l'intero contesto e non va dimenticato che Urbino è sede di un'antica università. Un bel panorama infine si gode dalla fortezza Albornoz.



 

MOSTRA: LA CITTA' IDEALE

L’utopia del Rinascimento a Urbino tra Piero della Francesca e Raffaello

Galleria Nazionale delle Marche (Palazzo Ducale) dal 6 aprile all' 8 luglio 2012

Si tratta di un' importante mostra sul tema della Città ideale partendo dal dipinto urbinate che costituisce uno dei più affascinanti enigmi del Rinascimento italiano. L'esposizione, a cura di Lorenza Mochi Onori e Vittoria Garibaldi, si propone di dimostrare come la tavola dipinta, conosciuta come Città Ideale, conservata nella Galleria Nazionale delle Marche a Urbino, rappresenti, insieme con i dipinti gemelli –col medesimo soggetto- di Berlino e Baltimora, il compendio della civiltà rinascimentale fiorita ad Urbino e nel Montefeltro, nella seconda metà del Quattrocento, ad opera di Federico da Montefeltro, Duca di Urbino ( il più dotto ed illuminato fra i signori del suo tempo).

Il dipinto, nella perfezione della veduta prospettica che vi si rappresenta, è certamente il risultato di ricerche e speculazioni a tutto campo, sia sotto il profilo specificamente architettonico ed ingegneristico che nel campo filosofico, nonché matematico; tanto da far guadagnare alla civiltà urbinate quattrocentesca l’efficace titolo di capitale del “rinascimento matematico ” .

Con l'occasione verranno esposte numerose altre opere, circa 80 fra dipinti, sculture, tarsie lignee, disegni, medaglie, modelli lignei e codici miniati, che intendono illustrare il felicissimo momento rinascimentale vissuto dalla piccola capitale del Montefeltro, cerniera fra le terre di Toscana, Umbria, Marche e Romagna.

ufficio stampa :Civita

 

home